Due agenti della polizia locale stavano facendo delle multe ad auto parcheggiate in doppia fila nella zona della stazione centrale di Milano, quando l’auto di servizio è stata presa di mira con bottiglie ed altri oggetti. È successo nella notte tra venerdì e sabato, poco prima dell’1.30.

Gli agenti non hanno riportato lesioni: si sono riparati all’interno dell’auto per non essere raggiunti dagli oggetti che venivano lanciati da alcuni clienti fuori da un locale in via Fabio Filzi. Alcuni di loro si trovavano a fumare per strada quando hanno avvistato gli agenti e, con il passaparola, sono uscite per strada decine di persone – alcune solo per curiosità, altre hanno cominciato a insultare gli agenti e a lanciare gli oggetti.

I due poliziotti hanno chiamato rinforzi, ma quando altri agenti sono arrivati sul posto davanti al locale non c’era quasi più nessuno, era rimasto solo il titolare del locale, un ragazzo di 22 anni estraneo ai fatti: gli altri clienti erano già fuggiti. Marco Granelli, assessore alla Sicurezza del Comune di Milano ha commentato la vicenda su Facebook, augurandosi che i responsabili dell’atto siano individuati e denunciati e aggiungendo che “tanti cittadini ci scrivono e ci chiedono di avere più sicurezza stradale e sanzionare chi alla sera parcheggia in disordine e fuori dalle regole o negli spazi dei residenti. Tutti dobbiamo rispettare le regole, per la sicurezza stradale e per tutelare chi abita nei quartieri. E poi mai deve mancare rispetto per chi lavora”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Bologna, non si accorge del treno in arrivo: poliziotto fuori servizio lo salva – Video

next
Articolo Successivo

Guerra di Putin, gli ucraini d’Italia tra parenti sotto le bombe e storie di resistenza: “Con i russi abbiamo chiuso per sempre”

next