La situazione del Covid in Europa è in una sorta di “tregua” alla quale potrebbe seguire la fine della pandemia. Lo dice il direttore dell’Oms Europa, Hans Kluge, aggiungendo: “Questo periodo di maggiore protezione può essere considerato come una sorta di tregua che potrebbe portare ad una pace duratura“. Ma ad alcune condizioni: “Consolidare e preservare l’immunità continuando a vaccinare, anche con terza dose; mantenere alta l’attenzione sui più vulnerabili; promuovere comportamenti di autoprotezione e responsabilità individuale; intensificare la sorveglianza per scoprire nuove varianti tempestivamente”. È la ricetta, secondo l’esperto dell’Organizzazione mondiale della sanità, per arrivare a “un plausibile finale di partita per la pandemia“.

A due anni dall’inizio della pandemia di Covid-19, l’Europa potrebbe quindi presto entrare in un “lungo periodo di tranquillità” grazie agli alti tassi di vaccinazione, alla variante Omicron più mite e alla fine dell’inverno. Il calo dei contagi e dei ricoveri in terapia intensiva che si sta verificando in Italia, infatti, è una condizione comune anche ad altri Paesi europei, seppure ce ne siano altrettanti in controtendenza, come la Russia. Molti governi stanno allentando le restrizioni e anche in Italia sono state tolte diverse misure per i vaccinati con il booster. La terza dose, in particolare, sembra infatti essere il fattore chiave che sta portando verso questo contesto più favorevole.

Tanto che il capo della strategia vaccinale dell’Ema, Marco Cavaleri, in un punto stampa periodico dell’agenzia europea dei medicinali ha spiegato che si sta valutando l’estensione della terza dose anche agli under 17. Al contrario, invece, dopo mesi di “corsa” alla quarta dose, la prospettiva di un nuovo richiamo appare oggi molto più lontana: “Al momento – ha chiarito Cavaleri – ci sono prove insufficienti da parte dei trial clinci o dal mondo reale a supporto di una raccomandazione sulla popolazione generale” del secondo booster. Ema è attualmente in attesa della domanda per estendere l’uso della terza dose di richiamo del vaccino Pfizer-BioNTech (booster) agli adolescenti dai 16 ai 17 anni di età. Questo è ad oggi il primo fronte: “Ci aspettiamo anche di ricevere a breve una domanda simile per una dose di richiamo per i ragazzi tra i 12 e i 15 anni e l’Ema esaminerà queste domande in modo accelerato con l’obiettivo di raggiungere un parere il prima possibile”, ha affermato Cavaleri.

La Regione europea ha registrato 12 milioni di nuovi casi di Covid-19 nell’ultima settimana. “Questa è la più alta incidenza settimanale di casi dall’inizio della pandemia ed è in gran parte determinata dalla variante Omicron altamente trasmissibile, poiché si estende da ovest a est“, ha sottolineato Hans Kluge, direttore dell’Oms Europa, in conferenza stampa. “I ricoveri continuano ad aumentare, principalmente nei Paesi con una minore diffusione delle vaccinazioni nelle popolazioni vulnerabili. Questo aumento, tuttavia, non è così rapido come il tasso di incidenza dei casi e, nel complesso, i ricoveri in terapia intensiva non sono aumentati in modo significativo. Per ora, il numero di morti in tutta la Regione inizia a stabilizzarsi“. Questo è il quadro tracciato dal direttore dell’Oms Europa.

Quindi “non possiamo dire che ora è tutto finito“, ma nonostante l’enorme numero di contagi la situazione può volgere verso il meglio: “Voglio evidenziare – ha proseguito Kluge – che la Regione europea ha la straordinaria opportunità di prendere il controllo della trasmissione, grazie a 3 elementi: larga copertura vaccinale e immunità naturale, l’uscita dall’inverno e la minore gravità della variante Omicron, ormai consolidata”. Per questo il direttore dell’Oms Europa è ottimista: “Questo contesto, che finora non abbiamo sperimentato in questa pandemia, ci dà la possibilità di un lungo periodo di tranquillità e un livello molto più elevato di difesa della popolazione, anche in caso di una variante più virulenta“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccinati e guariti, la babele di regole sul green pass: ecco, caso per caso, quanto dura il vostro certificato

next
Articolo Successivo

Cremona, tassista indagato per sequestro di persona e lesioni: rifiuta il bancomat e litiga con i clienti. 27enne in coma e poi dimesso

next