La dignità. Dignità è azzerare le morti sul lavoro, che feriscono la società e la coscienza di ognuno di noi. Perché la sicurezza del lavoro, di ogni lavoratore, riguarda il valore che attribuiamo alla vita. Mai più tragedie come quella del giovane Lorenzo Parelli, entrato in fabbrica per un progetto scuola-lavoro. Quasi ogni giorno veniamo richiamati drammaticamente a questo primario dovere della nostra società”. Inizia così l’ultima parte del discorso d’insediamento, il secondo per lui, che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha pronunciato davanti alle Camere riunire in seduta comune. E se sette anni fa fu “speranza” la parola che usò di più, questa volta è invece dignità, declinata in molteplici impegni e sfide che il capo dello Stato elenca all’Aula. Dalla lotta alla violenza sulle donne, ai diritti dei disabili, dalle condizioni delle carceri, alla lotta alla mafia. E ancora: il contrasto delle povertà e la difesa della dignità dei migranti. Nel video il passaggio integrale

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mattarella torna a chiedere la riforma del Csm: “Magistratura terreno di scontro”. Applausi del Parlamento, ma la legge è bloccata alla Camera

next