“E’ una possibilità che ci si orienti in questa direzione, e, di fatto, trova il suo razionale, proprio anche riprendendo le parole che sono state dette, sull’elevata contagiosità, tant’è che la previsione che veniva fatta era quella di una percentuale assai elevata di persone nel nostro Continente che sarebbero state poi, alla fine, infettate”. Così a e-VENTI, su Sky Tg24, Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità e coordinatore del Comitato tecnico scientifico, rispetto al fatto che Omicron, secondo quanto dichiarato dal responsabile dell’Oms per l’Europa Hans Kluge, possa rappresentare la fine della pandemia in Europa. “Però – ha proseguito – non dimentichiamoci anche la possibilità che emergano altre varianti: questa è la ragione per cui” è giusto ribadire “l’importanza, da un lato, di avere prudenza e rispetto di quella che è una responsabilità nei comportanti individuali”, e, “dall’altra, di promuovere sempre di più quella che è la diffusione di una campagna vaccinale nei Paesi che hanno avuto, ad oggi, meno possibilità di noi di poter offrire dosi di vaccino ai loro abitanti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Teramo, prescriveva a un paziente poi morto “cure alternative” contro il Covid: medico No vax arrestato per omicidio colposo

next
Articolo Successivo

Covid, il commissario Figliuolo: “Siamo arrivati al plateau della curva e si sta andando in discesa”

next