Il successo di Don Matteo travalica i confini nazionali (sapevate che la serie tv va in onda anche in Giappone?). Siamo alla 13esima stagione e com’è noto Terence Hill, indiscusso protagonista, sarà presente solo in quattro puntate per poi lasciare il posto a Raoul Bova. Per la prima volta l’attore parla a TFNews di come sono andate le cose: “Don Matteo l’ho lasciato non perché volessi lasciarlo. Volevo chiedere un cambio, cioè di fare 4 episodi all’anno, tipo Montalbano, invece di 10, 12 o 16. Pensavo, intanto siamo molto avanti, c’è il pericolo che andiamo un po’ giù. Poi mi ci vogliono 9 mesi ogni volta per fare Don Matteo”. Insomma, per l’attore era necessario un “cambio di passo” ma Rai e LuxVide non erano della stessa opinione: “Hanno bisogno di soldi. Con 4 episodi non avevano un sufficiente ritorno e quindi ne stanno producendo 10. Ne ho fatti 4 io e gli altri li finisce Raoul Bova”. Lite tra l’attore e la casa di produzione? No, anzi, ci sono ottimi rapporti. E così anche stima nei confronti di Raoul Bova.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Io vittima di revenge porn su Telegram”, la denuncia dell’arbitro Diana Di Mao: “è veramente un porcile, non lo auguro a nessuno”

next
Articolo Successivo

Sanremo 2022, Roberta Capua ha il Covid: sarà presente? Positivi anche un musicista e tre coristi

next