È bellissima. E ha deciso di unirsi alle modelle, attrici, influencer che mostrano ogni giorno le proprie imperfezioni sui social per quella che si chiama “body positivity” ma che, oltre all’accettazione di sé, ha molto a che fare con il senso della realtà. Un senso perduto a forza di filtri e ritocchi (virtuali e reali). Lei si chiama Gracia de Torres, fa la modella ed è la moglie di Daniele Sandri, giocatore di basket. Ha partorito due gemelli e ha postato la foto della sua pancia su Instagram: “La vita ha diverse sfumature, diversi colori e diversi punti di vista. La mia pancia è diventata una mappa del tesoro, o un’albero della vita, forse per altri un terrore. Con questa foto probabilmente perderò tanti lavori futuri, chi prenderebbe ancora per una campagna di costumi una donna con questa pancia?”. Ha ragione? Speriamo di no ma sappiamo che il mondo della moda è pieno di “belle parole” e di pochi gesti concreti in questo senso. “Solo qualcuno che ha la sensibilità di capire e il coraggio di mostrare le donne reali – continua de Torres – Non voglio dire che prima non lo fosse ma penso alla società manchi quello: manca quella finestra al mondo reale, più campagne pubblicitarie dove si mostra la verità della vita è non solo dei canoni di bellezza perfetta. Perché la vita sarebbe migliore, probabilmente ci sarebbero meno adolescenti in depressione per non entrare in quelli canoni di bellezza, ci sarebbe meno bullismo e ci sarebbe molta più felicità”. Si deve aggiungere qualcosa? No. La modella continua: “Con questo non voglio dire che dobbiamo smettere di curarci o accettare che non possiamo migliorare, anzi DOBBIAMO farlo, svegliarci ogni mattina e migliorare quelle cose “fisiche o mentali “ che non ci piace. Dico che la vera bellezza è tutt’altro CREDETEMI”. E anche in questo caso ha ragione: la spinta a migliorarsi e la non accettazione di sé sono due cose completamente diverse.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gianluca Cofone si racconta: “Difficile abbattere stereotipo su chi è affetto da nanismo acondroplatico. Ma l’ignoranza è peggio della mia condizione”

next