La sanzione di cento euro che implementa l’obbligo vaccinale colpirà anche gli over 50 che, alla data del 1° febbraio, non avranno ricevuto “la dose di richiamo successiva al ciclo vaccinale primario entro i termini di validità delle certificazioni verdi”: cioè la terza dose, o dose booster. Lo prevede il primo articolo del decreto legge con le nuove misure anti-Covid, licenziato il 5 gennaio dal Consiglio dei ministri e pubblicato sabato in Gazzetta ufficiale. Confermata, invece, la multa per chi gli ultracinquantenni che al 1° febbraio non avranno iniziato (o completato nei tempi) il ciclo primario di due dosi. La vaccinazione può essere omessa o differita soltanto “in caso di accertato pericolo per la salute, in relazione a specifiche condizioni cliniche documentate, attestate dal medico di medicina generale dell’assistito o dal medico vaccinatore”.

Sarà il ministero della Salute, attraverso l’Agenzia delle entrate-Riscossione (l’ex Equitalia), a multare gli inadempienti, che avranno dieci giorni di tempo dalla ricezione dell’avviso di avvio del provvedimento sanzionatorio per comunicare alla Asl eventuali certificati che attestino la loro condizione di esentati. Se la Azzienda sanitaria non confermerà, l’Agenzia delle entrate trasmetterà entro 180 giorni “un avviso di addebito, con valore di titolo esecutivo”. ln caso di opposizione alla sanzione è competente il Giudice di pace. I proventi delle sanzioni saranno assegnati al Fondo emergenze nazionali.

A partire dal 15 febbraio, per gli over 50 che si recheranno al lavoro senza green pass rafforzato ci sarà una sanzione compresa tra 600 e 1.500 euro. I lavoratori che comunichino di non avere la certificazione saranno considerati assenti ingiustificati e non riceveranno lo stipendio. Novità poi per avvocati, consulenti e periti: anche loro, come già i magistrati, saranno tenuti ad esibire il pass “base” per accedere agli uffici giudiziari. Certificazione richiesta infine – dal 20 gennaio – per i colloqui con i detenuti negli istituti penitenziari, misura attesa nell’ambiente carcerario visto anche l’incremento dei detenuti positivi, che hanno superato quota mille.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Lombardia, Bertolaso annuncia apertura notturna dell’hub di Sesto San Giovanni. Solo per i tre venerdì di gennaio, poi si vedrà

next