“L’obiettivo di voler velocizzare in qualche modo i procedimenti penali è davvero utile e importante anche per garantire l’accesso alla giustizia, ma accorciare i tempi di prescrizione anche in relazione ai reati ambientali può presentare delle problematiche”. Ad affermarlo in un intervista a ilfattoquotdiano.it è Marcos Orellana, Special Rapporteur ONU on Toxics and Human Rights, dopo aver presentato a Roma il suo rapporto al termine della mission in Italia.

Il delegato ONU ha svolto una missione per valutare il livello di tutela dei diritti umani da parte del Paese in rapporto alle sostanze e ai rifiuti tossici, attraverso lo studio dell’inquinamento prodotto dal Pfas in Veneto, la terra dei fuochi in Campania e quello relativo all’ex Ilva di Taranto. E in riferimento alla recente riforma della Giustizia Cartabia, che riforma i tempi del processo penale ma che non prevede deroghe per i reati ambientali, dunque a rischio ‘estinzione’ in sede processuale, Orellana afferma: “Le indagini che devono essere svolte possono essere molto complesse, quindi il rischio di prescrizione per i reati ambientali non è accettabile. Questo trasmette anche un messaggio sbagliato perché parliamo di reati davvero gravi – conclude – noi dobbiamo tutelare l’ambiente per salvaguardare i diritti umani e i diritti delle future generazioni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

L’allerta dell’Onu per l’impatto della riforma Cartabia: “C’è rischio che i crimini ambientali restino impuniti a causa della nuova prescrizione”

next