“Non posso fare il suo nome, posso dire che oggi quell’uomo riveste un ruolo politico molto importante, ma all’epoca era regista”. Queste le parole dette da Enrico Silvestrin a Storie Italiane a proposito delle molestie che ha subito sul set quando aveva solo 17 anni. L’attore era in viaggio per l’Europa per uno spettacolo teatrale: “Non riuscii a fare nulla, rimasi paralizzato e gli chiesi il perché. Ovviamente non mi rispose e ha usato questa mia debolezza contro di me facendoli sentire inadeguato, in colpa per quello che era accaduto e nei giorni successivi non ha fatto altro che prendermi in giro su quello che era, anzi non era accaduto”. Parole forti, molestie che hanno segnato Silvestrin: “Non riuscivo a mangiare, vomitavo, non dormivo. Però devo dire che la reazione fisica nel tempo la dimentichi ma psicologicamente pensi di essere stato colpevole di qualcosa e questo senso di colpa ce l’ho avuto a lungo”. L’attore e conduttore ammette di aver pensato addirittura di aver fatto male ad accettare il lavoro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Red Ronnie dopo lo schianto in autostrada: “Sono un miracolato. Oggi comincia per me una nuova vita”

next
Articolo Successivo

Striscia la Notizia, Tapiro d’Oro a Fedez: “Il sesso con Chiara Ferragni? Eh, sto diventando vecchio. Ho perso lo smalto”

next