Oggigiorno, ogni nuovo modello che arriva sul mercato risulta essere qualche centimetro più lungo di quello che sostituisce, con buona pace di chi, specie in città, gioca sui millimetri per trovare un parcheggio. Tuttavia, la nuova Opel Astra Sports Tourer, versione station wagon della giardinetta tedesca, va in controtendenza: l’ultima edizione della vettura, infatti, è lunga 464 centimetri, circa 6 cm in meno della versione attualmente a listino. Ma l’interasse, la distanza fra asse anteriore e posteriore, è contestualmente cresciuto di 7 cm, a 272 cm totali: significa che i passeggeri hanno più spazio a disposizione per le ginocchia.

Il merito è tutto della nuova piattaforma costruttiva Emp2, condivisa con la Peugeot 308 (entrambi i marchi fanno parte del gruppo Stellantis), che porta in dote un ventaglio di motori ad alta efficienza: quelli turbobenzina con potenze di 110 e 130 CV, mentre il diesel eroga 130 CV. A listino anche una versione plug-in hybrid, cioè ibrida ricaricabile, proposta con potenze di 180 e 225 CV. E nel 2023 dovrebbe esordire un’edizione ad alimentazione 100% elettrica.

Generosa la volumetria di carico: il vano bagagli offre una capacità che va da 608 a 1.634 litri, abbattendo lo schienale posteriore. Non manca, poi, il portellone elettrico e il ripiano con due altezze regolabili, nonché inclinabile a 45°. All’interno, l’impostazione è la medesima del modello con carrozzeria a due volumi: all’apice della plancia campeggiano due display da 10″, dedicati a strumentazione e infotelematica. E non mancano tecnologie come l’head-up display – proietta le principali informazioni di guida all’altezza del parabrezza, nel campo visivo del guidatore – e i fari a matrice di led; o comfort come i sedili con funzione di ventilazione, riscaldamento e massaggio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ford Ranger, la nuova generazione arriverà nel 2023 – FOTO

next
Articolo Successivo

Mazda 2, da primavera 2022 disponibile anche in versione hybrid – FOTO

next