“Trovo assurdo che mi si contesti la rissa e l’interruzione di pubblico servizio”. Sal Da Vinci commenta così, in una nota, la notizia della conclusione delle indagini preliminari con, a suo carico, l’ipotesi del reato di rissa aggravata per la vicenda che lo scorso anno lo vide coinvolto, assieme alla moglie Fatima Trotta e al figlio su un aliscafo partito da Procida e diretto a Napoli. “Io sono intervenuto unicamente a difesa di Fatima, che è stata inizialmente vittima di una violenza verbale ingiustificata per un motivo futile, richiamando il sig. Giacchetti (la controparte nel procedimento, ndr) ad un linguaggio più appropriato nei riguardi di una donna”, spiega il cantante esponendo la sua ricostruzione dei fatti.

E ancora: “Lui, senza pensarci un attimo, mi ha sferrato un pugno sulla mandibola per il solo motivo di avergli detto che si deve portar rispetto alle donne. A quel punto ho schivato un secondo pugno, che ha colpito mio figlio, il quale in modo istintivo si è difeso. Con questo non giustifico mio figlio – che, in qualche modo, essendo giovane ha reagito all’aggressione – e neanche la violenza; Non vi é assolutamente un’interruzione del pubblico servizio e questo lo dimostreremo al pm quando avrò il piacere di essere ascoltato. Ho immensa fiducia nella giustizia, che sono certo saprà distinguere le posizioni senza accomunarci indistintamente in una rissa, che è consistita in un’aggressione unilaterale di cui siamo stati vittime: chiederò di essere sentito dal pm, producendo un filmato e indicando i testimoni – conclude Sal Da Vinci -. Le nostre lesioni sono ampiamente documentate e repertate, al contrario di quelle di Giacchetti che si basano sostanzialmente, così come le parole che gli avremmo proferito, solo su ciò che lui asserisce”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Squid Game, parla il regista: “Ho perso sei denti per lo stress. Ho abbastanza ora per mettere il cibo in tavola: Netflix non paga in base al successo”

next
Articolo Successivo

Tiziano Ferro: “Ho preso il Covid e ho avuto sintomi per più di un mese. È stato orrendo”

next