“Vediamo tantissimi concorrenti che si piazzano davanti agli hotel senza averne titolo. Sostanzialmente fanno il nostro lavoro”. Sono le parole di Cesare Barattini, tassista e presidente di Astuta, Associazione Tutela Taxi, nel giorno dello sciopero nazionale degli autisti delle auto bianche. La protesta c’è stata anche a Torino e ha coinvolto 200 persone. “Ci sono dei decreti attuativi che la politica da Roma vuole portare avanti. I noleggiatori nell’ultimo periodo hanno avuto dei trattamenti di favore, noi abbiamo perso tantissimo lavoro e non possiamo concedere altro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I contratti stagionali sono aumentati anche a luglio: +156mila. I dati Inps smentiscono (di nuovo) il presunto effetto divano

next
Articolo Successivo

Sciopero tassisti a Roma, il presidio sotto al Mise: “L’abusivismo sta divorando il nostro settore”. I sindacati: “Adesione all’80%”

next