Netflix ha licenziato un dipendente con l’accusa di aver divulgato informazioni riservate sul controverso show comico di Dave ChappelleThe Closer‘, da giorni al centro di polemiche anche interne al servizio di streaming per alcune battute di Chappelle giudicate transfobiche. Nel programma infatti, il comico statunitense fa una serie di commenti che sono stati giudicati offensivi anche dalla critica, come quando ha confrontato i genitali delle donne trans ai sostituti vegetariani dei prodotti a base di carne. In un comunicato pubblicato da Forbes, il colosso dello streaming ha spiegato che il dipendente è stato licenziato per aver condiviso “informazioni riservate e commercialmente sensibili al di fuori dell’azienda”, il che va contro le politiche aziendali, e ha affermato che il dipendente potrebbe essere stato “mosso” da sentimenti di “delusione e dolore” nei confronti dell’azienda.

In particolare, il dipendente “spia” è accusato, secondo fonti citate da ‘The Hollywood Reporter‘ e ‘Variety‘, di aver rivelato informazioni sensibili su The Closer a Bloomberg, tra cui il costo dello speciale (24,1 milioni di dollari, secondo quanto riferito) e il fatto che diversi dipendenti Netflix avessero sollevato preoccupazioni già prima dell’uscita dello show. Dopo il rilascio sulla piattaforma, alcuni dipendenti hanno hanno criticato pubblicamente lo speciale, tanto che il Ceo Ted Sarandos era stato costretto a prendere pubblicamente posizione in difesa del programma invocando la “libertà creativa”. Già lunedì Netflix aveva sospeso i tre dipendenti che avevano rilanciato le polemiche su ‘The Closer‘ ma questi sono stati poi reintegrati e l’azienda ha negato che fossero stati sospesi per aver parlato pubblicamente contro ‘The Closer‘.

Ma le polemiche non finiscono qui: i dipendenti trans di Netflix e i loro sostenitori hanno deciso di organizzare uno sciopero presso l’azienda per protestare contro The Closer il 20 ottobre. Secondo Variety tra i tre impiegati sospesi c’era anche l’ingegnere informatico senior Terra Field, che si identifica come trans e il cui ampio commento Twitter sullo speciale è diventato virale la scorsa settimana. Secondo fonti Netflix citate dalla stampa americana, a causare la sospensione però non sarebbero stati i commenti social in cui Field parlava degli effetti dannosi di certi contenuti audiovisivi sulle persone trans, e sulle donne trans di colore in particolare, ma il fatto che i tre dipendenti si erano presentati ad un riunione dei vertici senza essere invitati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pomeriggio Cinque, Barbara D’Urso gela l’ospite: “Ci stai provando con la mia inviata?”

next
Articolo Successivo

È la Notte della Luna, occhi puntati verso il cielo: ecco di cosa si tratta. Dove e quando seguire l’evento

next