Dopo più di cinque ore in giro per la città – in un corteo che non è mai stato autorizzato dalle autorità – circa un migliaio di persone, dell’iniziale, più corposo, corteo No green pass, si sono fermate all’incrocio di Porta Venezia, bloccando il traffico di Milano in quattro direzioni. Alcuni manifestanti si sono seduti per terra, riproponendo i cori scanditi lungo le vie del centro: “Giù le mani dal lavoro”, “no green pass” e svariati insulti a Mario Draghi. “Il green pass è incostituzionale, perché la Costituzione dice che la Repubblica italiana è fondata sul lavoro, non sul green pass – ha detto un ragazzo, sempre in prima fila durante il corteo, ai nostri microfoni – vìola un sacco di articoli. Li avevo anche studiati, ma ora non li ricordo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corteo no Green Pass a Milano, sfilano migliaia di persone. Obiettivo la sede Rai. “Covid? Una influenza. I vaccini sperimentali si danno ai topi”

next
Articolo Successivo

Lecco, denunciati una 23enne e due giovani di 18 e 22 anni: “Hanno picchiato una donna che si lamentava per gli schiamazzi”

next