La carenza di semiconduttori continua a mettere in difficoltà il comparto dei mezzi di trasporto e l’industria in generale. Cnh Industrial, controllata da Exor, ha annunciato mercoledì sera che chiuderà temporaneamente diversi siti produttivi di macchine agricole, veicoli commerciali e sistemi di propulsione in Europa, come conseguenza delle interruzioni alla catena di fornitura e della carenza di componenti chiave, in particolar modo semiconduttori. Intanto il maggior produttore mondiale di semiconduttori, la Taiwan Semiconductor Manifacturing Co. (Tsmc), annuncia di aver registrato nel terzo trimestre profitti record per 5,58 miliardi di dollari.

Cnh Industrial ha fatto sapere che “rivede costantemente i propri piani di produzione per rispondere a questo contesto altamente volatile e programma di chiudere gli impianti interessati per non più di otto giorni lavorativi nel mese di ottobre. L’azienda rimane costantemente impegnata a ottimizzare le operazioni produttive al fine di rispondere alla continua forte domanda e servire al meglio i propri concessionari e clienti”, conclude la nota.

Anche Stellantis, a sua volta partecipata da Exor, è stata messa in difficoltà dalla crisi dei semiconduttori. La riapertura dell’impianto di Melfi a fine agosto era stata rinviata per quel motivo e a inizio ottobre il segretario della Uilm Basilicata, Marco Lomio, ha fatto sapere che si prevedeva la produzione di sole ottomila vetture per un totale di sei giorni di lavoro, con un conseguente ulteriore periodo di cassa integrazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Agenzia Dogane: le foto, i rimborsi e le accuse. Il 2 novembre l’udienza sullo scontro al vertice. I sindacati spiazzati dalla “riorganizzazione”

next
Articolo Successivo

Sostegni, l’Agenzia delle Entrate inizia a raccogliere le domande da parte di aziende con fatturato 2019 tra 10 e 15 milioni

next