Le attività Stellantis della ex Bertone, oggi Agap, di Grugliasco saranno spostate a Mirafiori, lo stabilimento torinese a pochi kilometri di distanza. A Grugliasco resterà per ora soltanto la lastratura che sarà trasferita al termine del piano nel 2024. Tutti i 1.100 dipendenti dell’ex Bertone saranno spostati e non ci saranno quindi esuberi. Lo riferiscono i sindacati che stanno incontrando l’azienda al Mise. Oggi a Grugliasco si producono le Maserati Ghibli e Quattroporte. La produzione dei due modelli sarà spostata a Mirafiori dove si faranno anche lw Maserati Gran Cabrio e Gran Turismo.

Stellantis ha poi confermato il lancio dei modelli previsti nel 2022, nonostante la crisi dei microchip: arriveranno il Grecale, che viene prodotto a Cassino e sarà presentato il 16 novembre, e il Tonale che sarà prodotto a Pomigliano da marzo 2022 e commercializzato da giugno del prossimo anno. Si apprende da fonti sindacali. In una nota emessa dal gruppo si sottolinea come si tratti di “un altro forte segnale positivo dell’impegno di Stellantis in Italia, con una collaborazione ancora più costruttiva che l’azienda ha da tempo avviato con il governo e con tutte le organizzazioni sindacali con cui si confronta periodicamente”.

“Bene la conferma degli investimenti su Torino, che ribadisce il suo ruolo centrale per la ricerca e l’innovazione” ha affermato il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti. Tuttavia i sindacati chiedono garanzie. “E’ un’altra mazzata per l’economia di Torino. Anche se hanno dichiarato il mantenimento dell’occupazione il dato oggettivo è che chiudono uno stabilimento”, afferma Edi Lazzi segretario generale della Fiom Cgil di Torino. “A fronte della scelta di accorpare i due siti torinesi di Mirafiori Carrozzerie e di Agap Grugliasco, chiediamo formali garanzie per i lavoratori sul versante della tutela occupazionale e delle missioni produttive, nonché delle condizioni di lavoro”, affermano Rocco Palombella, segretario generale della Uilm, e Gianluca Ficco, segretario nazionale Uilm responsabile del settore auto.

“Chiediamo garanzie e prospettive future per l’occupazione in Italia. Indispensabile aprire a Torino in tempi brevi tavolo su arroccamento produzioni di Grugliasco a Mirafiori come fatto a Melfi a luglio scorso. Il consolidamento delle attività Agap e Mirafiori in un solo sito non deve avere ripercussioni negative per i lavoratori che tanto hanno dato al gruppo specialmente in questo periodo difficile di pandemia, cambiamento e transizione”, afferma Roberto Di Maulo, segretario generale della Fismic Confsal, dopo l’incontro al Mise.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ecobonus, le multinazionali ci guadagnano: serve più trasparenza

next
Articolo Successivo

Nuovi rialzi per il petrolio, per la prima volta dal 2014 chiude sopra gli 80 dollari a New York. Prezzo record per l’alluminio

next