Gabby Petito è stata strangolata. Le autorità mediche del Wyoming hanno confermato che la blogger 23enne statunitense, scomparsa all’inizio dello scorso settembre mentre viaggiava sule strade americane assieme al fidanzato, è morta per strangolamento. Secondo la ricostruzione dei medici legali, Petito è stata uccisa tra i venti e i trenta giorni prima rispetto al ritrovamento del corpo nel Bridger-Teton National Forest, in Wyoming.

Per la morte della ragazza è indagato il fidanzato Brian Laundrie, tutt’oggi latitante. Petito e Laundrie erano partiti su un furgoncino bianco a luglio per un coast to coast, est-ovest, da New York alla costa occidentale degli Stati Uniti. Il primo settembre Laundrie era tornato a casa sua, in Florida, ma senza Petito. A quel punto i genitori della ragazza hanno denunciato la scomparsa della loro figlia e Laundrie è scappato non lasciando alcuna traccia dietro di sé.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Baba Vanga, la profezia della veggente bulgara sulla “nuova pandemia nel 2022” non può che essere una fake news: ecco perché

next