Kristalina Georgieva rimane alla guida del Fondo monetario internazionale. Il board del Fondo ha espresso piena fiducia nella direttrice generale, nella sua leadership e nella sua capacità di continuare a portare avanti i suoi compiti. L’economista bulgara era finita “sotto osservazione” dopo le accuse di un presunto ruolo nella falsificazione dell’indice “Doing business 2018” elaborato dalla Banca mondiale. In quell’anno infatti Georgieva era direttrice generale della Banca, secondo le accuse frutto di un’indagine interna, avrebbe migliorato la classifica della Cina di alcune posizioni (Pechino figurava comunque 87esima). Il board del Fondo monetario spiega però che le informazioni riportate non hanno dimostrato in modo definitivo che Georgieva ha avuto un ruolo nel rapporto ‘Doing Business’ quando era alla Banca Mondiale.

Germania, Francia, Gran Bretagna e Italia si erano già posizionati a sostegno della direttrice generale che in queste settimane ha ricevuto anche un’ accorata difesa da parte del premio Nobel ed ex capo economista della Banca mondiale Joseph Stiglitz. Determinante è stato però l’ok degli Stati Uniti, “azionista di riferimento” del Fondo. Il segretario al Tesoro americano, Janet Yellen, ha fatto sapere di aver parlato nelle ultime ore con Kristalina Georgieva. E ha notato che l’indagine interna della Banca Mondiale solleva dubbi legittimi e preoccupazioni ma non rappresenta una base per un cambio di leadership al Fmi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, scompare nel nulla durante il ricovero al San Raffaele: si cerca un 25enne polacco. “Aveva un pigiama e un bendaggio alla testa”

next
Articolo Successivo

Benzina sopra gli 1,7 euro al litro, da inizio anno 13 euro in più per ogni pieno. Rincari anche per l’elettricità

next