Tra gli ospiti di Oggi è un altro giorno, nella puntata di ieri 6 ottobre, c’è stata anche Vera. La donna ha raccontato a Serena Bortone la vicenda di Giordana di Stefano, uccisa dall’ex con oltre 48 coltellate proprio il 6 ottobre di 6 anni fa. “Grazie per essere con noi, immagino che non sia semplice. Tuttavia so anche che parlare di violenza contro le donne è importante”, ha esordito commossa la conduttrice accogliendo in studio la signora. “Giordana voleva vivere, per lei, per la sua bambina, per la passione del ballo”, ha dichiarato Vera ricordando la giovane morta in strada dissanguata mentre il padre di sua figlia (Luca Priolo, ndr) tentava di fuggire in Svizzera.

L’uomo, condannato a 30 anni, è stato sempre possessivo: “A 15 anni incontra questo ‘principe azzurro’, inizialmente era così, il primo amore. Da lì a breve è rimasta incinta, all’inizio mi sono arrabbiata. Poi l’abbiamo accettata con tanto amore perché Giordana voleva diventare madre, amava i bambini, per lei non è mai stato un peso”, ha spiegato Vera per poi aggiungere: “Dal 2010 al 2013 sono stati insieme, poi Giordana ha capito che lui non l’amava ma era violento. Lui la controllava, era molto possessivo tanto che lei lo aveva lasciato e denunciato per stalking”.

Infine ha concluso: “Quando io vidi mia figlia ho visto l’orrore, come i film horror con le donne scannate, io dico questo: mia figlia è stata brutalmente ammazzata, con un coltellino. Lei ha sofferto tantissimo e io questo voglio raccontarlo non per raccontare una cosa brutta ma perché le donne devono capire che questi esseri fanno davvero male, dai primi segnali bisogna allontanarsi”. La signora Vera ha poi ringraziato la conduttrice per averle dato l’opportunità di aprirsi: “Tutti ti auguriamo di avere cura di te e di Asia (la nipotina, ndr)”, ha detto la padrona di casa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Khaby Lame incontra Greta Thunberg: “Insieme per la giustizia climatica”. Scoppia la polemica e il tiktoker sbotta: “Smettete pure di seguirmi, non mi interessa”

next
Articolo Successivo

Claudia Gerini a processo per furto in concorso: è accusata di aver rubato il telefono a un paparazzo insieme all’ex Andrea Preti

next