“I nostri nemici, chi non vuole questo referendum, sono rimasti in silenzio: tenteranno ogni strada per fermarlo”. Invita a non abbassare la guardia, Marco Cappato, mentre a Milano chiude con una conferenza stampa la campagna referendaria per l’eutanasia legale (una battaglia sostenuta anche da ilfattoquotidiano.it). Un risultato straordinario che ha raggiunto un milione e duecentomila firme, con la Valle D’Aosta al primo posto per firme raccolte in proporzione agli abitanti, seguita da Friuli Venezia Giulia e Sardegna. Grazie agli oltre 13mila volontari che in più di mille comuni hanno raccolto fisicamente le firme necessarie e, nell’ultima parte della campagna, a quelle raccolte online con l’utilizzo di uno strumento legalmente vincolante per la prima volta nella storia. A raggiungere la conferenza stampa organizzata dal comitato referendario milanese e dall’Associazione Luca Coscioni di cui Cappato è tesoriere, anche la madre di Fabiano Antoniani, Carmen Carollo. “Indipendentemente da come andrà a finire, noi non molleremo mai”, ha detto la mamma di Dj Fabo, felice e riconoscente per i risultati della raccolta firme. “Sono le storie come quella di Fabo che hanno portato la gente a voler capire e a firmare”, ha aggiunto Cappato. Il prossimo appuntamento è per venerdì 8 ottobre alle ore 9 con la manifestazione organizzata per la consegna delle firme in Cassazione. “Poi a gennaio toccherà alla Consulta approvare il quesito referendario e se sarà ammesso tra il 15 aprile e il 15 giugno del 2022 andremo a votare”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“In Giordania per lavoro, ho avuto il vaccino cinese. Ora non potrò tornare in ufficio”. Storia di Marcello, cooperante rimasto senza green pass

next
Articolo Successivo

Settimana dell’allattamento, bisogna preservare la lattazione anche dopo interventi di chirurgia

next