Una biblioteca interamente dedicata ad Haruki Murakami. In attesa dell’assegnazione del Nobel per la Letteratura 2021 – il 7 ottobre prossimo – uno dei più importanti romanzieri viventi, che da almeno vent’anni viene messo in pole position per la vittoria del Nobel, potrà tagliare simbolicamente il nastro di uno spazio museale che conterrà tutti i suoi scritti originali. Si chiama Haruki Murakami Library, anzi ufficialmente Waseda International House of Literature, è verrà inaugurata a Tokyo venerdì 1 ottobre 2021. Il progetto in stile minimalista, pareti bianche e interni con grande arcate in legno, è dell’archistar Kengo Kuma.

L’archivio si trova nel campus principale della Waseda University dove Murakami ha studiato teatro in gioventù. Murakami, oggi 72enne, ha una laurea in recitazione e non in letteratura. E il suo primo romanzo – Hear the wind sing – lo scrisse tra l’altro a 29 anni, nel 1979, dopo essersene andato dal campus di Waseda. “Sono un romanziere da circa 40 anni e in tutto questo periodo ho accumulato più materiale di quanto riesca a gestire”, ha spiegato Murakami alcuni anni fa quando il lascito personale al museo venne ufficializzato. Si tratta infatti di una quantità di materiale davvero cospicua. Autografi su tirature limitate dei primi libri, bozze dei romanzi pubblicati, una biblioteca privata con decine di traduzioni di Carver, Salinger e Scott Fitzgerald, oltre a 10mila vinili legati alla passione per il jazz dell’autore di Norwegian Wood.

La struttura museale risponderà tra l’altro ad una richiesta concordata con Murakami stesso: ricreare la realtà narrativa visionaria dei suoi romanzi tra le quattro mura dell’archivio tra sale conferenze, sale d’ascolto, uno spazio bar e uno studio radiofonico. “Speravo che una cosa del genere venisse costruita dopo la mia morte”, ha scherzato Murakami il giorno della prima alla stampa della Library a lui intitolata. Lo scrittore ha anche descritto come donare tutto il suo materiale privato per una collezione pubblica fosse una cosa naturale da fare dato che non ha figli ad ereditare i suoi beni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siracusa Book Festival, il premio letterario Alessandra Appiano consegnato a Fuani Marino e Antoine Leiris

next
Articolo Successivo

Contro cinema e teatri è in atto un complotto: è chiaro! E io ne ho le prove…

next