Si svolgerà domani, martedì 28 settembre, a Mansoura la seconda udienza del processo iniziato il 14 settembre e aggiornato dopo cinque minuti, nei confronti di Patrick Zaki, lo studente dell’Università di Bologna arrestato il 7 febbraio 2020 al suo rientro in Egitto e da ormai 600 giorni privato della libertà.

Quella sensazione di sollievo provata appena ricevuta, due settimane fa, la notizia dell’aggiornamento – poiché in cinque minuti, per come vanno le cose in Egitto, poteva anche essere emessa una condanna definitiva, giacché il tribunale di emergenza che processa Zaki non prevede appello – si è trasformata nei giorni successivi in un’ondata di ottimismo.

Commentatori ed esponenti politici hanno fatto rilevare che le accuse principali contro Zaki (sovversione e terrorismo) erano decadute – ma non è chiaro se siano state semplicemente congelate – e che dunque non ci sarebbe più il rischio di una condanna a 25 anni di carcere. È stato sostenuto che questa “svolta” sia stata frutto del “silenzio operativo” della diplomazia italiana. È stato fatto riferimento a un’altra “svolta”, quella del presidente egiziano al-Sisi con la sua agenda sui diritti umani.

L’ottimismo deve rimanere, è chiaro. Resta però il pericolo che la magistratura egiziana voglia andare fino in fondo con l’accusa di “diffusione di notizie false” ed emettere una condanna, anche a cinque anni di carcere. Se pure venissero sottratti alla pena i 19 mesi di detenzione in attesa del processo, si tratterebbe sempre di dover trascorrere in prigione tre anni e cinque mesi. Un solo giorno sarebbe già troppo.

Va sottolineato, infine, un amaro paradosso: un tribunale d’emergenza, di quelli istituiti per giudicare imputati di terrorismo di matrice islamista, processa un attivista e ricercatore della minoranza religiosa cristiano-copta.

Paradosso nel paradosso: Zaki avrebbe diffuso “notizie false” attraverso un articolo, scritto nel 2019, in cui raccontava una settimana di ordinaria discriminazione contro i copti. Quelli che avevano esultato per il colpo di stato di al-Sisi del 3 luglio 2013, certi che li avrebbe protetti meglio rispetto a un governo della Fratellanza musulmana. E che sono stati ripagati col carcere e l’inizio di un processo per uno dei loro più brillanti esponenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Prometto che ti darò il mondo”, la biografia della travel blogger Giulia Lamarca che si batte per i diritti delle persone con disabilità

next
Articolo Successivo

Referendum per l’aborto legale a San Marino: ha vinto il Sì con il 77,28% dei voti. Interrompere la gravidanza non sarà più reato

next