Al rientro dalle vacanze, con la pelle che ha subito dosi massicce di raggi solari, sale marino ed esposizione al vento è facile ricorrere subito a prodotti cosmetici che ammorbidiscano la cute e ridonino freschezza. Tra i preferiti ci sono gli oli a base di principi attivi vegetali. Ma tra offerte miracolose e sostanze particolarmente pubblicizzate, siamo sicuri che offrano tutti questi effetti benefici? “Di sicuro gli oli vegetali hanno proprietà cosmetiche ben definite. Sono emollienti, idratanti, nutrienti, antiaging, decongestionanti e tonificanti per la pelle del volto e del corpo. E anche per i capelli e il cuoio capelluto”, spiega la dottoressa Fiorella Bini, dermatologa, tricologa, omeopata, fitoterapeuta e medico estetico.

Con quali criteri allora possiamo scegliere un buon olio cosmetico?
“Ciascun olio ha differenti capacità cosmetiche e terapeutiche e quindi è opportuno scegliere quello più adatto in base alla condizione da trattare”.

L’olio mosqueta sembra avere un particolare appeal in questo periodo. Come anche argan, avocado od olio di cocco. Quanto è frutto di moda o invece di concrete proprietà dermatologiche?
“Tutti questi oli vegetali presentano ottime proprietà e quindi il loro ‘appeal’ è più che meritato. L’olio di rosa mosqueta, per esempio, contiene alte concentrazioni di acidi grassi essenziali e di vitamina C, che gli conferiscono proprietà rigenerative, cicatrizzanti e antiaging; inoltre contrasta secchezza e fissurazioni cutanee. L’olio di argan viene chiamato anche ‘oro del deserto’ per la preziosità dei suoi componenti: omega 3 e 6, ad azione rigenerante a livello cutaneo, vitamine A ed E, antiossidanti che rallentano l’invecchiamento cellulare e utili anche per proteggere, elasticizzare e idratare la pelle. Inoltre contiene polifenoli, che stimolano la formazione di collagene e danno elasticità. E poi abbiamo l’olio di avocado: nutre e idrata la pelle, contrasta l’invecchiamento, favorisce la guarigione di ferite e ustioni, è efficace contro il prurito. Tutto questo è dovuto all’alto contenuto di acidi grassi monoinsaturi, vitamine, proteine, lecitina. Infine l’olio di cocco, che grazie al suo effetto idratante, nutriente e all’azione lenitiva e anti-arrossamenti, è adatto per pelli secche, sensibili, danneggiate e irritate. È utile dopo le scottature solari e contribuisce a ottenere una buona abbronzatura”.

Quali oli antirughe preferire a seconda della zona del corpo da trattare e del tipo di pelle?
“L’olio di vinacciolo presenta un elevato contenuto di polifenoli, che sono potenti antiossidanti, quindi è utile per contrastare l’invecchiamento della pelle del volto, curarne l’elasticità e proteggere dai radicali liberi. L’olio di rosa mosqueta è un ottimo antirughe, particolarmente adatto alle pelli secche. Per il massaggio del corpo, consiglio l’olio di Jojoba, grazie alle proprietà emollienti e idratanti, ma anche antinfiammatorie e stimolanti la circolazione cutanea”.

Per i capelli, non si contano le numerose offerte per il loro trattamento. Su quali prodotti possiamo orientarci per non sbagliare?
L’olio di avocado contribuisce a migliorare la salute del cuoio capelluto che presenta eccessiva secchezza e ne allevia il prurito. Per ristrutturare i capelli, interviene l’olio di cocco, che idrata e rende lo stelo più lucido e voluminoso, come pure l’olio di argan. Quest’ultimo ha anche un effetto anticrespo, rivitalizza i capelli secchi e sfibrati, li protegge dal calore del phon e da sole, salsedine, cloro”.

Per le unghie, smagliature..?
“Consiglio olio di germe di grano, olio di argan e di mandorle dolci. Grazie alle loro proprietà antiossidanti, emollienti, elasticizzanti sono particolarmente indicati per prevenite e contrastare le smagliature; mentre l’olio di cocco è ottimo per le mani, ammorbidisce e idrata in profondità. E impedisce la formazione delle cuticole intorno alle unghie”.

Quali prodotti a suo avviso meriterebbero di essere più rivalutati rispetto ad altri di tendenza?
“Attualmente si tende a ricercare prodotti sempre nuovi, provenienti da luoghi esotici, per sostituire quelli già noti e in uso da tempo. La ricerca deve andare sempre avanti, ma occorre prudenza nei confronti delle sostanze naturali: anche per gli oli vegetali ‘alla moda’ occorre attenzione e un’accurata sperimentazione prima del loro utilizzo, per evitare spiacevoli inconvenienti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano Fashion Week, Giorgio Armani mette l’emozione del mare nei suoi abiti e cita l’Infinito di Leopardi: “I tempi, a mio avviso, richiedono questo”

next
Articolo Successivo

Milano Fashion Week, Missoni super sexy acquista nuova linfa vitale: è il debutto del nuovo direttore creativo Alberto Caliri

next