Che Manuel Bortuzzo fosse un campione anche nella vita lo sapevamo già. La sua partecipazione al “Grande Fratello Vip”, qualora ce ne fosse il bisogno, ne è solo una conferma. A 48 ore dal suo ingresso nella Casa di Cinecittà, dove è entrato con lo scopo principale di sensibilizzare il pubblico sui temi della disabilità, si è fatto notare per quell’autoironia che solo i grandi hanno.

Manuel si trovava a parlare in giardino con gli altri concorrenti quando ha spiazzato tutti (presenti e pubblico da casa) con una battuta sulla sua vita: “Ne La Casa di Carta si prendono mille proiettili e sono ancora vivi, io mezzo proiettile e sono morto praticamente”.

Quando aveva solo 20 anni, era il 2019, Manuel Bortuzzo è stato vittima di un colpo di pistola che, a causa di una lesione al midollo, lo ha portato sulla sedia a rotelle. Lui all’interno della Casa del “Gieffe” ha raccontato la sua esperienza: “La prima persona che i malviventi hanno beccato ero io che stavo comprando le sigarette, ero la prima persona che potevano vedere. Mi chiedevo se fosse successo davvero, queste cose le vedi nei film. Sono salvo per 12 millimetri”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Georgette Polizzi, l’influencer affetta da sclerosi multipla “è incinta grazie alla procreazione assistita”

next
Articolo Successivo

Ilary Blasi in anteprima con “Star In The Star”: oggi in diretta Facebook con Claudia Rossi e Andrea Conti

next