Circa 200 persone si sono radunate sul ‘Crescentone’ in Piazza Maggiore, a Bologna, per il presidio organizzato da Amnesty International a sostegno di Patrick Zaki, lo studente dell’Università di Bologna detenuto in custodia preventiva per 19 mesi e imputato, in Egitto, con l’accusa di diffusione di notizie false dentro e fuori il Paese. Nella piazza principale della città emiliana – dove sventolano uno striscione giallo con il logo di Amnesty International e uno con la scritta ‘Libertà per Patrick’ – hanno preso la parola, tra gli altri, la presidente del Consiglio studentesco dell’Ateneo, Anna Zanoli, la responsabile di Amnesty International Emilia-Romagna, Francesca Mazzotti e l’artista Alessandro Bergonzoni. Presente anche il leader delle Sardine e candidato nella lista del Pd alle prossime elezioni comunali di Bologna, Mattia Santori. Unanime la richiesta di liberazione e di intervento da parte delle istituzioni per il ricercatore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, insulti e cartelli a sfondo razziale contro il vicino bengalese. Sullo zerbino la scritta “Italia libera dall’Islam”

next
Articolo Successivo

Monza, maestra d’asilo insulta e aggredisce i bambini con calci e pugni: denunciata. I video che la incastrano

next