“Ci può promettere che la scuola resterà aperta o comunque sarà l’ultima cosa che richiuderà?”. Alla Festa nazionale dell’Unità di Bologna, il ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi risponde di sì alla domanda della moderatrice dell’incontro, la giornalista del Corriere, Gianna Fregonara, sulla ripartenza della scuola. Ma subito dopo precisa che “non si tratta di una promessa, ma di un impegno di tutto il governo”. Dal palco, Bianchi snocciola i dati sulle 58900 assunzioni in ruolo e sottolinea che “per la prima volta abbiamo fatto gli incarichi annuali il 4 di settembre”. Ma dalla platea si alternano testimonianze di genitori e maestre che lamentano “la carenza di personale” e “l’assenza dell’organico nelle scuole serali di Bologna”. In Italia “ci sono 48mila scuole, verificheremo caso per caso” conclude il ministro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Green pass, Speranza: “Linea basata sull’evidenza scientifica. Materia troppo delicata per buttarla sul dibattito pubblico”

next