Fingeva di avere il cancro, ma era tutta una tecnica per aumentare il numero di follower dei suoi profili social. La storia è quella di tale MsDirtyBird, famosa sulla piattaforma Twitch per le sue live dedicate al videogioco Rocket League. La ragazza aveva raccontato ai suoi seguaci di lottare contro un brutto cancro al cervello e ai polmoni. Giorno dopo giorno, aggiornava i suoi fan del percorso con dettagli che facevano temere il peggio. Ma era tutto finto.

Lo scopo era quello di monetizzare sulle sue (finte) condizioni di salute. Infatti uno degli elementi che caratterizza Twitch sono proprio le donazioni: gli streamer possono guadagnare anche migliaia di euro per ogni live, e una storia così aveva inevitabilmente sensibilizzato il pubblico… tanto che le erano stati donati un sacco di soldi per aiutarla a sostenere le spese di cure e operazioni.

Il macabro “trucco”, per fortuna, è durato poco. È stata sua sorella a smascherarla. “Vi volevo parlare delle live di mia sorella. Sostiene di avere il cancro. Ma non ci credo, non ha detto nulla a nessuno di noi e l’unico intervento a cui si è sottoposta di recente è stato solo quello a un piede. Mi sento molto ferita da questi tentativi di mentire al suo pubblico”, ha rivelato, mettendo gli utenti in allerta. A questo punto, inevitabile, è arrivata l’ammissione da parte della ragazza: si era inventata tutto. Ora ha deciso di ritirarsi dai social per prendersi cura della sua salute mentale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scappano senza pagare il conto ma la mossa del proprietario del pub li spiazza

next
Articolo Successivo

Mostra del Cinema di Venezia, i “ritocchini” di Ester Exposito non passano inosservati: “Era una delle attrici più belle, non ne aveva bisogno”

next