La Corte europea dei diritti umani di Strasburgo ha respinto un ricorso presentato da 672 fra vigili del fuoco professionali e volontari contro la legge francese che impone loro l’obbligo di essere vaccinati contro il Covid-19. Ne avevano chiesto la sospensione, insieme all’interruzione delle disposizioni che vietano l’esercizio delle loro attività se non vaccinati. Nei giorni scorsi si erano appellati al diritto alla vita e diritto al rispetto della vita privata. In particolare la legge in questione è del 5 agosto 2021 ed è quella relativa alla gestione dell’emergenza sanitaria. Come si legge sui media francesi, la decisione della Cedu, assunta da un collegio di sette giudici, non “prevede tuttavia le sue successive decisioni sull’ammissibilità o sul merito delle cause in questione”. Lo precisa la stessa Corte. La richiesta era stata avanzata dal sindacato dei vigili del fuoco del Sud SDIS, all’inizio di agosto. Secondo l’avvocato Nicolas Hervieu, specialista della Cedu, si tratta del “1° giudizio europeo sull’obbligo del vaccino contro il #COVID19.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Afghanistan e il gran ballo delle false narrative

next
Articolo Successivo

Covid, in Israele quasi 10mila contagi per il secondo giorno, torna a salire l’incidenza settimanale in Germania

next