Tre locali nel Riminese sono stati costretti alla chiusura per il mancato rispetto delle normative anti-Covid, fra assembramenti e mancato utilizzo di mascherine. È successo nel corso del week end di Ferragosto. Fra questi c’è Ecu, già chiuso la settimana scorsa per le stesse motivazioni. Nel primo giorno di riapertura ha accolto circa 200 persone. Una parte del personale di sicurezza è risultato sprovvisto del regolare decreto Prefettizio: è stata disposta la chiusura per altri cinque giorni e una segnalazione in Prefettura per eventuali provvedimenti ulteriori.

Nella serata del 15 agosto la polizia ha trovato circa 500 clienti accalcati all’interno del locale il Musica (anch’esso già sanzionato in passato) a Riccione. Altri 200 ballavano in prossimità della consolle del Dj, senza alcun dispositivo di protezione.

Il terzo locale – la Villa delle Rose a Misano Adriatico – era riempito da circa 2000 persone. L’assembramento era tale da rendere complicato spostarsi: è stata disposta la chiusura immediata dell’attività, che dovrà restare con le serrande abbassate per i prossimi cinque giorni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Compleanno Diletta Leotta, scoppia la polemica per le “donne lampadario”. Ma alla festa a fare notizia è anche un’assenza

next
Articolo Successivo

Grande Fratello Vip, Raz Degan rifiuta: “È spazzatura”. Ma la verità sembra essere un’altra

next