Ok al vaccino Spikevax (Moderna) per le ragazze e i ragazzi dai 12 ai 17 anni d’età. Lo ha stabilito l’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco, che ha accolto l’indicazione dell’Ema, l’Agenzia europea per i medicinali. Secondo il Comitato tecnico-scientifico, i dati a disposizione della comunità scientifica dimostrano l’efficacia e la sicurezza del vaccino per i giovani.

Il via libera arriva dopo quello già deciso, il 31 maggio scorso, per il vaccino Comirnaty prodotto da Pfizer-BioNTech. Al momento circa la metà dei Paesi europei ha scelto di estendere ai 12 anni l’età minima per la vaccinazione. Accanto al nostro Paese, ci sono Francia, Spagna, Slovenia, Austria, Lituania, Lettonia, Estonia, Ungheria, Danimarca, Slovacchia, Repubblica Ceca, Danimarca, Romania e Bulgaria. I Paesi che raccomandano la somministrazione solo ai bambini in condizione di vulnerabilità o che vivono con persone fragili sono Germania, Regno Unito, Paesi Bassi, Belgio, Svezia e Finlandia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccini, a Messina primo vaccino iniettato con una siringa senza ago: “Pionieri in Europa. Speriamo serva da incentivo”

next
Articolo Successivo

Pesaro, 500 no vax sotto casa del sindaco Matteo Ricci. Lui: “Squadristi, non sapete cosa sia la libertà. Vaccinarsi è dovere civico”

next