Alegna Osorio Mayarì non ce l’ha fatta. È morta l’atleta specialista nel lancio del martello, dopo il colpo alla testa durante un allenamento. Lo ha comunicato l’Istituto sportivo nazionale di Cuba: “Condividiamo questo dolore insopportabile con la sua famiglia”, ha dichiarato il presidente Osvaldo Vento.

Aveva solo 19 anni, Alegna, era una giovane promessa. Le sue condizioni erano state definite critiche dopo che, ad aprile, era stata colpita dal martello di un atleta che, stando a quanto riportato da Fanpage, non apparteneva alla nazionale cubana e non poteva avere accesso al centro di allenamento. Da quel momento, purtroppo, la giovanissima atleta non si più svegliata dal coma. La grande famiglia dell’atletica ha appreso con grande dolore la notizia, anche perché arrivata proprio durante le Olimpiadi di Tokyo. La martellista statunitense Gwen Berry ha scritto su Twitter: “Un pensiero d’amore alla sua famiglia in questo momento difficile. È tutto così triste”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Forti allucinazioni e rischio arresto cardiaco in volo: aereo French Bee atterra in emergenza a Mombasa

next
Articolo Successivo

Scimmie chiuse in sacchi di juta, avvelenate e picchiate: trovate morte o ferite

next