Linee ondeggianti e rifiuto della classica linea retta. Sembrerebbe quasi di trovarsi a Barcellona. Invece siamo a Milano, in corso di porta Romana 113, dove è spuntato un murale che ricorda gli edifici di Antoni Gaudì. A realizzarlo l’artista Cosimo Caiffa, conosciuto come Cheone, di origine pugliese ma trasferito a Milano.

L’opera di street art ha già attirato molti curiosi che hanno prontamente fotografato e fatto video al murale. Ma in realtà non è ancora terminata: come specifica lo stesso artista su Instagram, il lavoro sarà finito solo domani, lunedì 26 luglio.

Il rimando all’architetto che realizzò agli inizi del ‘900 Casa Batlò, solo per citare una sua creazione, è fin troppo evidente. Finestre, balconi e architravi non hanno linee rette, solo curve. E sembrano usciti da un sogno. O, sempre per rimanere in tema artistico, da un quadro di Salvador Dalì.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Olimpiadi di Tokyo 2021, l’Italia con una pizza e l’Ucraina con Chernobyl: tv coreana nella bufera per le immagini associate ai Paesi. Poi le scuse

next
Articolo Successivo

Massimiliano Minnocci, Er Brasiliano arrestato a Ponza per violenza e minaccia: divieto di tornare sull’isola per tre anni. Lui: “Ero un po’ ubriaco”

next