Si stava preparando a compiere una strage in un campus dell’Ohio, con l’idea di uccidere quante più donne fosse possibile come forma di ‘vendetta’ per i rifiuti ricevuti. Tres Genco, 21 anni, di Hillsboro, Ohio è stato arrestato dall’FBI mercoledì 21 luglio. Gli agenti hanno trovato nel bagagliaio della sua auto un fucile a pompa e un giubbotto antiproiettile. Genco farebbe parte del movimento degli ‘incel’, celibi involontari: si tratta di una sorta di comunità online che diffonde odio verso le donne. I membri di questo gruppo credono sia un loro diritto avere risposte positive alle loro attenzioni romantiche o sessuali e usano la violenza come arma per vendicarsi se questo non accade. Come riporta il verbale di polizia, obiettivo di Genco era uccidere 3000 donne. Il 21enne aveva un profilo attivo legato agli incel e a fine marzo scorso raccontava di aver spruzzato del succo d’arancia addosso sulle ‘femoids’, un termine usato da questo gruppo di eterosessuali bianchi, razzisti e sovranisti per definire le donne: metà ‘femmine’ e ‘umanoidi’, quindi ‘meno degli umani’. Il riferimento al succo d’arancia fa sospettare gli investigatori che “il modello” di Genco fosse Elliot Rodger anche lui parte degli incel: nel maggio 2014 uccise sei persone e ne ferì 14 in una strage compiuta fuori dall’Università della California. Nel 2019, Genco ha partecipato a un corso di addestramento nella base militare americana di Fort Benning, in Georgia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ragazza affetta dalla “sindrome di Benjamin Button“ muore a 18 anni: “Aveva il corpo di una donna di 144 anni”

next
Articolo Successivo

Giornalista brasiliano fa la telecronaca della propria vaccinazione come fosse un’azione da gol: il video è uno spasso

next