C’era bandiera rossa. Mare grosso, forte moto ondoso. Oscar Serra quelle onde voleva cavalcarle. Così alle 7 di mattina del 18 luglio ha preso la sua tavola e ha deciso di entrare in acqua. Siamo nella spiaggia di Zicatela, Puerto Escondido. Serra, 22 anni, aveva il pallino del Messico da un po’. Ma entrando con la tavola tra quelle onde è stato catapultato sul fondo del mare da un’altezza di due metri. Portato a riva dai bagnini, era già morto. “Voleva cavalcare quest’onda da molto tempo. Mi ha sempre detto che questo sarebbe stato il modo migliore per ‘andar via’“, ha detto il surfista Ainara Aymat al francese Surfsession. Solo qualche giorno fa, il 22enne spagnolo, aveva dato spettacolo a Barra de la Cruz, dimostrando quanto ci sapesse fare con le onde.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dazn, la gaffe su Federico Chiesa fa scoppiare la polemica. Ecco cosa è accaduto

next
Articolo Successivo

Ficarra e Picone: “I politici che non si mettono contro i no vax, avranno mai il coraggio di combattere le mafie?”

next