Ospite di Serena Autieri nello studio di Dedicato, Justine Mattera ha ricordato Paolo Limiti, il paroliere morto nel 2017 e con cui è stata sposata solo due anni, dal 2000 al 2002, rimanendo tuttavia in buoni rapporti. “Mi ha lasciato un mestiere, una professione”, ha esordito lei. Poi ha spiegato: “Sono molto riconoscente. Lui era così intelligente, era come il sole. Quando ti toglieva lo sguardo, c’era il gelo. Io volevo stare in quel sole lì. Ogni giorno imparavo qualcosa”.

Qualche tempo fa avevano invece destato scalpore alcune confessioni piccanti di Justine Mattera legate all’intimità con Paolo Limiti. “La nostra prima notte di nozze? Eravamo in nave, io gli dissi: ‘Paolo, metto solo due gocce di profumo e vengo subito a letto’. Ricordo che lui era davvero terrorizzato…”, si legge sul sito Dagospia. Lei successivamente si è sposata con l’imprenditore Fabrizio Cassata dal quale ha avuto due figli, Vivienne Rose e Vincent: “Sono molto ansiosa con i miei figli da quando vivo in Italia… mi avete contagiata!”, ha infine detto a Serena Autieri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gianni Morandi vestito di rosa nel nuovo videoclip per sostenere il Ddl Zan? Lui risponde così

next
Articolo Successivo

Clio make-up disperata per il suo gatto Oscar: “Mi sento una mer*a a non essermene accorta”

next