È amico di Marco Verratti e c’è da scommettere che il coro con “Più bella cosa” sul pullman degli azzurri l’abbia intonato il giocatore del Paris Saint-Germain e della Nazionale. L’amicizia la conferma Eros Ramazzotti in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera: “…. Già nei giorni scorsi mi mandava video dei loro cori… che bella sensazione. Ho visto la finale in Grecia con amici italiani e polacchi. Una gioia dopo tanta sofferenza, e non intendo solo quella della tensione di una partita cominciata male. Complimenti anche a Berrettini per la finale di Wimbledon e ai Maneskin cui consiglio di rimanere umili. E ora speriamo che le cose vadano bene in tutti i sensi, non solo nello sport e nella musica”. A proposito di musica, è uscita “La mia felicità” con Fabio Rovazzi e Eros si prepara a rimasterizzare i suoi più grandi successi ma ricorda i momenti difficili della pandemia, come l’ultima data del tour mondiale, quella di Los Angeles, saltata: “Siamo stati fortunati perché, a differenza di altri, siamo riusciti a fare tutte le date tranne quell’ultima. Per la musica spero che riparta tutto, piano piano, ma sembra che ci siamo…”. E poi aggiunge dei “60 brani per il nuovo album che uscirà nel 2022: il virus mi ha dato la spinta per migliorarmi“. È un’intervista fatta anche di ricordi, quello del giorno in cui ha pianto (“Quando se ne è andata mamma. È stata dura perché purtroppo non potevo essere lì con lei”) e del giorno in cui ha detto un “no privato” che non dimentica: “A Monica Bellucci. Era un momento in cui sia lei che io eravamo liberi. È rimasto un bel ricordo”. Poi però, Eros è sembrato voler ritrattare perché su Instagram ha pubblicato un estratto di una sua vecchia esibizione in tv con lei commentando: “Il rimpianto di non aver corteggiato abbastanza la più bella donna del mondo“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Italia campione d’Europa, “La finale si deve rigiocare”. Chiellini nel mirino della petizione inglese

next