La sera dell’8 luglio 2021, cinque candidati si contenderanno il 75esimo Premio Strega. Sono: Andrea Bajani – Il Libro della case (Feltrinelli); Edith Bruck – Il pane perduto (La Nave di Teseo); Giulia Caminito – L’acqua del lago non è mai dolce (Bompiani); Donatella Di Pietrantonio – Borgo Sud (Einaudi); Emanuele Trevi – Due vite (Neri Pozza). Cinquina apparentemente minore, meno “carica” di romanzi popolari e di nomi pesanti rispetto alle ultime edizioni, in realtà il quintetto finalista è un affascinante e tumultuoso florilegio di voci e sensibilità letterarie. Gara complessa da leggere e valutare se non di fronte alla storica lavagna compilata a gessetto di giovedì a Villa Giulia, scrutinio dopo scrutinio. Trevi parte favorito, ma Bruck e Di Pietrantonio non gli sono lontane. Alcune curiosità: La Nave di Teseo nata nel 2015 è alla sua quarta finale su sei (di cui una vinta l’anno scorso con Il Colibrì di Sandro Veronesi); Neri Pozza si riaffaccia in finale con un autore uomo come non accadeva dal 1957 con Carlo Laurenzi (negli ultimi anni Neri Pozza ha candidato solo autrici, Wanda Marasco e Sandra Petrignani, in finale); Mondadori salta per la prima volta la cinquina dal 2013 ma con le sue 23 vittorie potrebbe essere avvicinata solo da Einaudi (15) e Bompiani (10). Di seguito una breve scheda critica di ogni libro, le probabilità di vittoria e tre domande identiche poste dal FQMagazine ad ogni autore.

Premio Strega 2021, tutto quello che c’è da sapere. E i cinque finalisti rispondono alla domanda: chi vincerà?

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“L’eclisse della democrazia. Dal G8 di Genova a oggi: un altro mondo è necessario”: il nuovo libro di Vittorio Agnoletto e Lorenzo Guadagnucci

next
Articolo Successivo

Festival del Libro Possibile, giovedì 8 luglio Marco Lillo e Pif presentano “Io posso”. Da Travaglio a Gomez: gli ospiti del Fatto a Polignano e Vieste

next