Sul ddl Zan “io sarei per andare alla conta, visto che poi il compromesso non è semplice, anche perché non sono convinto che proposte del genere poi possano essere accettate dalla Lega. Per cui credo che sarebbe meglio andare dritti. Questa è la mia opinione, però sono loro che vivono in Parlamento”. Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, a margine di una conferenza stampa in cui è stato presentato il progetto con cui è stato reso cashless lo spazio culturale Base di Milano commentando le recenti parole di Matteo Renzi sul disegno di legge contro l’omotransfobia. Riferendosi al recente sondaggio sul gradimento dei sindaci italiani “non ho mai commentato un sondaggio. Quello che conta è ciò che succederà alle elezioni, presumibilmente il 10 ottobre. Non lo commento proprio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Omotransfobia, in diretta l’intervento di Alessandro Zan: “Vogliono affossare la legge, dobbiamo reagire”

next