Bisogna tornare al 2013 per trovare l’ultimo programma televisivo condotto da Elisabetta Canalis (era “Zelig 1”, un’edizione ibrida dello show comico condotto assieme a Katia Follesa e Davide Paniate). Ancora prima, nel 2011, c’era stato il “Festival di Sanremo” al fianco di Gianni Morandi e Belen Rodriguez. Dopodiché è volata negli States, dove ha conosciuto il suo attuale marito, il chirurgo Brian Perri, con cui ha dato alla luce la piccola Skyler Eva.

Ora, la notizia inaspettata: la showgirl è pronta a tornare in Italia come conduttrice unica di un programma. FqMagazine può confermare che Tv8 l’ha scelta come nuova conduttrice di “Vite da Copertina”, il magazine patinato della rete diretta da Antonella D’Errico. Le riprese sono iniziate ieri in uno studio rinnovato nella sede Sky di Rogoredo. Con questa scelta emerge un cambio di passo importante rispetto alle precedenti edizioni del programma.

Ma cos’è “Vite da Copertina”? Si tratta di un magazine che nasce per raccontare la vita delle star dello showbiz mondiale. Le prime tre stagioni sono andate in onda senza un conduttore, affidandosi alla voce narrante. Dalla quarta è subentrata Alda D’Eusanio, poi la coppia composta da Giovanni Ciacci ed Elenoire Casalegno, infine Rosanna Cancellieri. Stavolta Tv8 punta a una conduzione meno statica e più dinamica. Come verrà accolto il ritorno della Canalis dal pubblico italiano?! Le prime puntate sono previste per fine agosto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Estate in Diretta, Roberta Capua in lacrime parlando di Luana D’Orazio: “Non ho più parole”

next
Articolo Successivo

Barbara D’Urso ‘bocciata’ da Mediaset. Lei aveva scritto: “Parlano, parlano e io rido”. C’è poco da ridere

next