È morto Johnny Solinger, l’ex frontman degli Skid Row. Il cantante aveva 55 anni e lo scorso maggio gli era stata diagnosticata un’insufficienza epatica. Originario di Dallas, in Texas, Solinger aveva annunciato con un post su Facebook la sua malattia che lo aveva costretto al ricovero in ospedale. Aveva anche detto di non avere un’assicurazione sanitaria e aveva chiesto aiuto ai suoi fan per sostenere le spese sanitarie. “Come la maggior parte dei musicisti non ho un’assicurazione sanitaria e senza è difficile avere cure adeguate“, aveva scritto.

Immediatamente era partita una raccolta fondi attraverso il sito GoGundMe e lanciata dal suo amico Brian Lawrence. L’obiettivo era di raggiungere 100 mila dollari, ma ne sono stati raccolti solo poco più di 16 mila. Domenica scorsa la notizia della morte avvenuta il 26 giugno. Ad annunciarla lo stesso Lawrence che ha riportato le parole della moglie di Solinger, Paula Marcenaro: “Johnny è morto. Gli tenevo la mano. È andato in pace. Grazie a tutti. Mi prenderò una pausa da tutto, ma sappi che sarò per sempre grata per il tuo amore”. Solinger si era unito agli Skid Row alla fine degli anni ’90, sostituendo il cantante Sebastian Bach. Si è esibito con loro fino al 2015.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roberto Bolle: “Sento l’usura del mio corpo. Con il lockdown ho avvertito la fragilità della mia esistenza”

next