Invasione di arvicole, i cosiddetti topi campagnoli, in alcune zone montane del Friuli Venezia Giulia. Un fenomeno registrato anche nella vicina Slovenia. I roditori, che fanno parte della famiglia dei criceti, si sono moltiplicati negli ultimi mesi, invadendo foreste e sentieri. Visti e segnalati da tante persone, che lamentano la proliferazione degli animali. Colpa delle condizioni climatiche della stagione e di un inverno non particolarmente rigido, spiega Carlo Gerini, gestore del rifugio Edelweiss affacciato sui laghi di Fusine. Ma anche del progressione aumento dei faggi a discapito dei pini e degli abeti. I roditori infatti si nutrono anche delle faggiole

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’effetto farfalla non è solo una metafora: le parti talvolta si invertono

next
Articolo Successivo

Allevamenti intensivi, l’Italia dica un secco no alla produzione di pellicce

next