Continua inesorabile l’erosione della Collina del Caos, ad Agrigento. L’allarme è stato lanciato dall’associazione Mareamico Agrigento, che in un comunicato ha fatto sapere: “L’erosione marina e il dissesto idrogeologico costituiscono un mix esplosivo per la collina che ha dato i natali a Luigi Pirandello, che arretra a una velocità di due metri l’anno“. Il rischio di un disastro idrogeologico è concreto. Le case limitrofe e la strada statale 640 che passa sopra la collina a meno di dieci metri dalla frana potrebbero crollare in mare causando danni ingenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Politica agricola europea, trovata l’intesa (al ribasso): riforma slegata dal Green Deal e poca ambizione sull’ambiente

next
Articolo Successivo

Amazzonia, attacco mortale ad ambiente e indios: l’ecocidio della foresta e il genocidio dei suoi popoli iniziato 500 anni fa

next