L’inflazione galoppante e la grave crisi economica sta mettendo in ginocchio l’Argentina. La popolazione che vive sotto la soglia di povertà ormai è al 40% e la moneta locale (il peso) sta perdendo valore: al cambio ufficiale vale un centesimo di dollaro e quasi un centesimo di euro. Per capirci, fino al 2001 un peso valeva un dollaro. Lo riporta El Paìs, che racconta di come, negli ultimi tempi, sia diventato comune che gli esercenti diano come resto non più le monetine, bensì delle caramelle.

E c’è chi cerca di trarne un vantaggio. Una nota azienda di dolci, infatti, ha aggiunto alla confezioni di caramelle la scritta: “Ideal para el vuelto” (Trad. Ideali per il resto), aumentando notevolmente le vendite. Sono sempre di più, purtroppo, le famiglie che si rivolgono alle associazioni di volontariato, alle mense popolari o alle parrocchie per mangiare qualcosa.

Para sumar al debate sobre monedas pic.twitter.com/vVS1t4WUpI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tortura e uccide la moglie, poi impicca il cane: alla polizia dice che sono stati i ladri ma viene incastrato dallo smartwatch

next
Articolo Successivo

In Cina il monaco buddista che regala una nuova vita ai cani randagi: ne ha già salvati 8000 – Video

next