Non è una decisione arrivata per caso e lo ammette persino l’amministratore delegato, sulla scia di quella tendenza che porta sempre di più le aziende ad ‘ammettere’ invece di ‘nascondere sotto il tappeto’. Da anni Victoria’s Secret, uno dei brand di lingerie più famosi al mondo, è sotto i riflettori per le sue campagne che propongono tipi di bellezza irraggiungibili e potenzialmente dannosi (basta ricordare lo spot per il reggiseni del 2014 che aveva come claim “The perfect body” e fu oggetto di una protesta con petizione). Il dismorfismo corporeo, d’altronde, colpisce sempre di più le giovani donne e dalle parti di Victoria devono essersi accorti che era ora di cambiare. Via i corpi perfetti, arrivano donne ‘vere’ che hanno raggiunto traguardi, personali o professionali, importanti e che si battono per i diritti: Megan Rapinoe, calciatrice e attivista femminista e Lgbt+, Eileen Gu, sciatrice freestyle, Paloma Elsesser, modella 29enne curvy, Priyanka Chopra Jonas, imprenditrice e attrice. Chiare le parole di Martin Waters, amministratore delegato, al New York Times: “Quando il mondo si stava evolvendo, noi siamo stati troppo lenti nel rispondere… Dobbiamo smetterla di essere quello che vogliono gli uomini”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reazione a Catena, la gaffe clamorosa: “Parola che finisce in -gna”. E il concorrente lo dice. Gelo in studio, Marco Liorni reagisce così

next
Articolo Successivo

Maria De Filippi, “quanto vale” la sua società di produzione Fascino? Utili nel 2020 pari a 6,39 milioni di euro

next