Verde, come boschi e vallate. Green, come la voglia tutta nuova di immergersi nella natura, rispettandone ritmi ed equilibri. Può sembrare la moda del momento, eppure la vacanza green segue quell’istinto spontaneo e ancestrale che cova dentro ognuno di noi. Oltre a rivelare una sensibilità tutta nuova verso i paesaggi e l’ambiente che ci circondano, legata al bisogno di una immersione totale in essi, e alla volontà di rispettarli cercando soluzioni alternative. Se l’avete provato almeno una volta, sapete di cosa sto parlando: abbandonare lo stress cittadino per lasciarsi andare alla forza rilassante della natura e vivere quelle emozioni che si possono provare solo lentamente, immersi nella bellezza dei luoghi. Non esiste una formula universale valida per tutti, alcuni inforcano le biciclette attraversando con lentezza l’Italia dei borghi antichi, alla ricerca di piccoli angoli di storia e tradizioni. Altri cercano qualcosa in più di un semplice campeggio e, nei moderni camping village – di cui il glamping è la massima espressione – trovano la risposta alla propria voglia di natura, al desiderio di lasciarsi andare sotto un cielo stellato senza però rinunciare al comfort e a numerosi servizi. Di certo, quel che accomuna tutti è questa nuova dimensione di vivere il viaggio, in cui assaporare la propria vacanza a poco a poco, nella maniera più diretta possibile, guardando con un interesse rinnovato al turismo di prossimità, ai luoghi segreti e poco affollati. L’abbiamo visto già in questi primi week end, con i piccoli borghi saliti in cima alla lista delle preferenze e le gite fuori porta tornate agli antichi splendori. Le mete preferite? Tutte, in fondo, da località alpine dove immergersi nella tranquillità dei boschi, alle cittadelle appenniniche, immancabilmente cinte da mura fortificate e attraversate da stradine in pietra, dagli angoli di costa poco conosciuti dove lasciarsi cullare dalla brezza marina, alla tranquillità delle campagne, magari immersi tra vitigni e uliveti. Ogni destinazione può andar bene perché non esiste un unico modo di essere green, l’importante è visitare luoghi autentici ricchi di suggestioni nuove, in cui fermarsi ad assaporare gusti veraci e spesso sorprendenti. È la nuova formula per godersi il mondo rispettando il suo ritmo naturale, quell’elemento magico che da solo è in grado di farci ritrovare pace e serenità. Se anche voi volete vivere queste esperienze, sperimentare destinazioni e recuperare quel contatto con la natura ormai perduto, una vacanza green è quello che ci vuole. E proprio alle vacanze verdi, ai viaggi in bicicletta e alle soluzioni alternative è dedicata Alpigreen, la linea di viaggi e vacanze verdi di Alpitour.

Niente è più green di una bicicletta
Può sembrar ovvio, ma il fascino delle due ruote restituisce tutta la magia del turismo lento, quel passo o quella pedalata alla volta che permette di scoprire ogni palmo di terra che si attraversa. Un’esperienza totalizzante in cui natura e benessere si sposano alla perfezione con la bellezza che si ritrova in ogni angolo della nostra amata Italia. A guardarlo bene, poi, il Bel Paese pare fatto apposta per essere attraversato in bici, o magari a piedi. C’è poco da obiettare, andare alla sua scoperta lungo stradine e piste ciclabili ne rivela la vera essenza, fatta di panorami mozzafiato, monti e dolci valli dove la mano dell’uomo cura da secoli vitigni e frutteti, cittadine ferme nel tempo ricche di storia e piccoli segreti. E concede il giusto tempo per visitarne ogni borgo, gustarne ogni piatto tipico, assaporarne ogni diverso tipo di vino. Se vi è capitato di pensarci, e credo di sì, provate allora a fare un esercizio di fantasia e immaginatevi quietamente a camminare tra piccole piazzette di paese, affacciandovi a storici bar da cui proviene l’inconfondibile aroma di caffè. Poi pensatevi tra gli innumerevoli monumenti testimoni di quel passato affascinante e ricco di tradizioni che contraddistingue ogni regione della Penisola, guardatevi intorno e porgete l’orecchio al racconto costante delle tante avventure di chi li ha costruiti. Ora, che siate nel bel mezzo dei vigneti veneti o immersi tra gli uliveti della Puglia, indecisi tra le vie del gusto della Toscana e dell’Umbria, o persi nell’incanto delle Langhe, avvicinatevi al paesello più vicino e sedetevi in qualche tipica trattoria, bevete un prosecco o un Chianti e assaggiate tutte le prelibatezze che il mondo ci invidia. Questo è lo spirito autentico della nostra bella Italia, e non c’è bisogno di sforzarsi troppo a immaginarlo, o ricordarlo. È tutto intorno a noi, intriso nei luoghi più belli, basta prendersi il tempo giusto per poterselo godere, e scegliere la vacanza che meglio vi si adatta.

Green, a partire dall’alloggio
Se state pensando che immergersi in questo nuovo stile di viaggio debba tradursi in una vacanza di rinunce, fermatevi e riflettete. Non è necessario, a meno che non siate voi stessi a cercare qualcosa in stile “into the wild”. Una vacanza green come si deve è tutto meno che fatica e scomodità. E fondersi nella natura che ci circonda, rispettarla in toto, è possibile senza dover fare a meno di comodità e stile. Prendete per esempio la nuova frontiera delle vacanze all’aria aperta, quel glamping che unisce l’esperienza di contatto con la natura tipica dei campeggi con l’esclusività e il comfort propri di una casa, magari immersi in un grande parco o perché no un vigneto. Tra open space, tende glamour, comodità di ogni tipo e viste panoramiche, vi sentirete un tutt’uno con l’ambiente circostante. Guardare in faccia le stelle al momento di coricarsi, magari insieme al vostro partner, sarà la maniera più poetica di ricongiungersi con lo spirito del luogo in cui siete. È solo un esempio, perché la vacanza alternativa si misura proprio a partire dalle tante soluzioni che vi propone, e anche l’Italia ormai offre i suoi angoli migliori in questa nuova versione. Avete mai pensato di fare anche voi come gli svedesi, e soggiornare in delle mobil home, circondate da giardini e inserite in veri e propri villaggi turistici in cui divertirvi con tutta la famiglia? Alpigreen sì, ed è solo una delle soluzioni messe in campo per stuzzicare la voglia di natura che è tornata a pervadere un po’ tutti di questi tempi. Allora, se la città vi annoia ma stare sdraiati a prendere il sole non è proprio la vacanza che volete, potreste pensare di trascorrere questa estate all’interno di una eco farm, e dedicarvi alle più caratteristiche attività rurali, imparare a fare pane e formaggio e andare alla ricerca di piante officinali. E se neanche la tranquillità della campagna è ciò che state cercando, provate a immaginare quanto possa essere affascinante dormire in un albergo diffuso tra le stradine in pietra di un antico borgo medievale.Tra torri e piazzette, e il ritmo lento tipico dei paesini di una volta, potreste vivere un’esperienza memorabile e ritrovare la vostra serenità. Perché i soggiorni migliori, quelli indimenticabili, avvengono sempre in un luogo del cuore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Da una baia all’altra, il Mediterraneo autentico si scopre in barca

next
Articolo Successivo

Tutto il fascino dell’Antico Egitto in una crociera sul Nilo

next