Victoria De Angelis dei Maneskin in questi giorni è assieme ai suoi amici e compagni di lavoro per rilassarsi in una grande villa con piscina ma anche per mettere a punto le nuove canzoni del secondo volume dell’album “Teatro d’ira”. Simpatica, spontanea e senza filtri, Victoria si è confidata in una intervista a Vanity Fair, il settimanale ha dedicato il numero al valore della diversità.

La bassista del gruppo ha rivelato quando si è sentita attratta dallo stesso sesso: “Quando per la prima volta ho provato sentimenti e attrazione per una ragazza è stato un po’ disorientante perché non avevo mai avuto il coraggio di andare oltre le limitazioni che avevo imposto a me stessa – ha spiegato -. Per la società essere eterosessuali è la norma e quindi spesso uno si incasella automaticamente in quel modo privandosi della libertà di vivere molte sfumature e sfaccettature diverse dell’amore. Una volta superata l’insicurezza iniziale di dover mettere in discussione le proprie certezze ho vissuto la mia sessualità in maniera molto naturale e libera, come dovrebbe poter essere per tutti“.

Victoria sin da piccola ha fatto valere la sua visione della vita, in nome della libertà: “A sei anni già non le tolleravo le distinzioni tra maschile e femminile. Ho sempre avuto idee forti su come volevo essere. Rifiutavo cose tipicamente definite da bambina, e intorno mi prendevano in giro perché andavo sullo skate, giocavo a calcio, non indossavo gonne, mi stavo dando la chance di essere come desideravo (…) ma ho avuto coraggio e oggi grazie a quel coraggio so che potevo rimanerci molto più ferita, o avrei rischiato di lasciare ad altri la decisione più importante: quella su di me”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Flavio Briatore: “Ho sentito che la mano era pesante, come se avesse dentro tutti chiodi”. Il malore risolto (con il consulto di Zangrillo)

next
Articolo Successivo

La Regina Elisabetta ricorda Filippo in quello che sarebbe stato il giorno del suo centesimo compleanno

next