Detto, fatto. Il Congresso salvadoregno ha approvato la proposta del presidente Nayib Bukele di riconoscere il bitcoin come valuta legale, primo paese al mondo. La moneta digitale affiancherà il dollaro statunitense, la moneta che oggi è utilizzata da El Salvador. La proposta è passata a larga maggioranza, 62 voti a favore su 84. Il bitcoin assumerà lo status di valuta legale nei prossimi 90 giorni.

Bukele aveva annunciato l’intenzione di proporre al Congresso lo scorso . Le peculiarità del sistema economico e monetario di El Salvador spiegano le ragioni di questa scelta. Il paese conta circa 6 milioni di abitanti a cui si aggiungono 2 milioni di salvadoregni che vivono all’estero e che inviano in patria circa 6 miliardi di dollari all’anno, il 20% del Prodotto interno lordo del piccolo stato del centroamerica. Il 70% della popolazione non ha un conto corrente in banca. Inoltre El Salvador adotta come valuta il dollaro statunitense, non gestisce insomma direttamente una propria moneta.

L’idea principale è quella di utilizzare il bitcoin come “veicolo” per le rimesse da parte dei salvadoregni che risiedono all’estero evitando così di pagare commissione a intermediari come le banche e invogliando ulteriori invii di denaro. Verrebbe utilizzata un’ app per smartphone sviluppata dalla salvadoregna Strike. In sostanza l’applicazione sfrutta la moneta digitale come “mezzo di trasporto” su cui far viaggiare i dollari. Al momento dell’invio, i dollari vengono trasformati in bitcoin che poi l’applicazione provvede a riconvertire in dollari una volta arrivati a destinazione. Un sistema che attenua il problema delle violente fluttuazioni che caratterizzano la criptovaluta.

Ieri il bitcoin era sceso fino a 31.400 dollari in seguito alla notizia che l’Fbi è riuscita a recuperare buona parte del riscatto pagato in bitcoin dal gruppo Colonial pipeline ai criminali informatici che ne avevano paralizzato per giorni l’attività. Inutile negare che la moneta digitale debba una parte della sua fortuna anche per l’uso che ne viene fatto per transazioni opache sul web, grazie alla quasi totale anonimità che può garantire.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

El Salvador potrebbe adottare il bitcoin come valuta legale. Sarebbe il primo paese al mondo a tentare questa strada

next
Articolo Successivo

Alitalia, la nuova compagnia prova a decollare. Ma il conto dei soldi spesi dallo Stato è già in orbita: 13 miliardi

next