Bisogna che gli egiziani non trovino sponda in Italia. In questo filmetto ci sono ben quattro persone italiane, due ex ministri e alcuni giornalisti. Gli egiziani lo chiamano documentario, ma è offensivo verso Giulio, noi e tutti gli italiani. Più che un documentario è un depistaggio verso la figura di Giulio”. Sono le parole dei genitori di Giulio Regeni, Paola e Claudio, intervenuti a Propaganda Live, su La7, in merito al documentario realizzato dall’Egitto per screditare il ricercatore ucciso alla fine di gennaio del 2016. “Chiediamo a gran voce che nel processo nessuno si costituisca parte civile, perché il rischio sarebbe quello di intralciare questo lungo percorso giudiziario”, ha aggiunto la mamma di Giulio. Il 14 ottobre, con il rinvio a giudizio di quattro 007 egiziani, ci sarà la prima udienza.

Video La7

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chioggia, medico camerunense dell’Inps aggredito con insulti razzisti durante una visita fiscale: “Firma o ti spacco la testa”

next
Articolo Successivo

Vitalizio, lite tra Formigoni e Giletti: “La legge è dalla mia parte”, “Quella ve la fate voi. Non metta sullo stesso piano senatori e magistrati”

next