Quattro appartenenti ai servizi segreti egiziani – il generale Tariq Sabir e i colonnelli Athar Kamel Mohamed Ibrahim, Uhsam Helmi e Magdi Ibrahim Abdelal Sharif – sono stati rinviati a giudizio per aver sequestrato, torturato e ucciso il ricercatore italiano Giulio Regeni tra il gennaio e il febbraio del 2016. Lo ha deciso il giudice dell’udienza preliminare di Roma Pierluigi Balestrieri, accogliendo la richiesta del sostituto procuratore Sergio Colaiocco. La prima udienza è fissata al prossimo 14 ottobre di fronte alla Corte d’assise della Capitale: tutti e quattro dovranno rispondere di sequestro di persona pluriaggravato, mentre il colonnello Sharif è accusato anche di concorso in omicidio aggravato e concorso in lesioni personali aggravate.

Il gup ha respinto l’eccezione sollevata dalle difese sull’irreperibilità degli imputati e la conseguente mancata notifica dell’udienza, evidenziando come “la copertura mediatica capillare e straordinaria” abbia fatto “assurgere la notizia della pendenza del processo a fatto notorio“, cosicché si può parlare di “volontaria sottrazione dal processo” da parte imputati. I quali “hanno avuto certamente notizia dell’esistenza del procedimento penale italiano, essendo stati tutti e più di una volta, ascoltati dalla magistratura egiziana a seguito di richiesta rogatoriale di questo ufficio”, aveva scritto il pubblico minidtero in una propria memoria.

In aula erano presenti i genitori di Giulio, Paola Deffendi e Claudio Regeni, insieme al loro avvocato Alessandra Ballerini. “Paola e Claudio dicono spesso che su Giulio sono stati violati tutti i diritti umani. Da oggi abbiamo la fondata speranza che almeno il diritto alla verità non verrà violato. Ci abbiamo messo 64 mesi, ma quello di oggi è un buon traguardo e un buon punto di partenza”, ha dichiarato il legale. Anche dalla Procura trapela soddisfazione: il pm Colaiocco ha sottolineato in aula che la “nuova sfida” del processo sarà ottenere che tutti i testimoni, soprattutto gli egiziani, vengano in Italia a ripetere in dibattimento quanto già dichiarato nel corso delle indagini. Un fatto non scontato, dati gli attuali rapporti con la procura generale del Cairo che a dicembre ha reso pubblico un provvedimento in cui escludeva “che i sospetti nei confronti degli indagati siano fondati” e sosteneva che i magistrati di Roma avessero “occultato le prove che potevano essere utili alle indagini egiziane”. Colaiocco, però, ostenta fiducia: “Nel corso delle indagini è divenuto possibile l’impossibile, e anche nella fase dibattimentale faremo del nostro meglio perché l’impossibile accada di nuovo”, ha detto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cina, le autorità aprono un’indagine sui 21 morti della maratona sullo Giansu. Il racconto dei sopravvissuti e la rabbia sui social

next