Più di dieci film sul grande schermo, tanta televisione ma anche teatro e una passato da modella. Milena Miconi, 49 anni, è nota al grande pubblico per il personaggio della Sindaca di Gubbio Laura Respighi in Don Matteo. Ora che sono cominciate le riprese della nuova edizione sembra che per lei non ci sia più posto. E non l’ha presa bene, anzi. In una lunga intervista rilasciata a Fanpage si è dichiarata “amareggiata e delusa“.

Nonostante il grande successo della coppia Respighi – capitano Anceschi (interpretato da Flavio Insinna), dopo la quinta stagione è stata “lasciata fuori”. “La storia è un po’ particolare. Inizialmente pensavano di fare uno spin-off sulla storia d’amore di Flavio Anceschi e Laura Respighi, dunque seguirli in un’altra fiction. Durante le riunioni, però, decisero di farci interpretare altri personaggi in una nuova serie (Ho sposato uno sbirro, ndr). In fase di scrittura venni a scoprire che il mio ruolo era stato dato a un’altra attrice. Per carità, a volte le cose vanno così, però era nata diversamente”, ha dichiarato Miconi. E poi ancora: “Avevano deciso di tirarmi fuori perché se Insinna andava via, dovevo farlo anch’io. Dissi che nella serie io ero anche la sindaca di Gubbio, quindi potevo restare. Mi risposero che non esisteva: se il marito va via, va via anche la moglie. In questi 15 anni, non c’è più stato un posto per me all’interno di questa casa di produzione. Mi piacerebbe capire perché.”

L’attrice romana ha poi spiegato di non essere d’accordo con la fine scelta per il suo personaggio: “Posso dire che la morte mi sembra alquanto banale? Hanno fatto morire anche la moglie e la figlia di Cecchini. E basta. Sicuramente sarebbe stato carino coinvolgermi, per i fan di Don Matteo, per il tempo che ho dedicato e l’impegno e la professionalità che ho messo nella serie”. Infine la rivelazione su Flavio Insinna: “Ci siamo sentiti, ma non mi ha detto niente. Evidentemente ha ritenuto opportuno non farlo o magari non lo sapeva ancora”. Le riprese della nuova stagione di Don Matteo sono iniziate a Spoleto lunedì 31 maggio. “Non so se lo vedrò”, ha detto. È evidente la delusione. Arriverà un messaggio di chiarimento? Lei ci spera.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Principe Amedeo, l’ultima e inedita intervista rilasciata una settimana prima di morire: “Il 2 giugno per me? Mai vissuto in polemica”

next
Articolo Successivo

2 giugno, Roberto Bolle e Virna Toppi danzano al Quirinale: il passo a due è emozionante – Video

next